Sindrome di Asperger e musica: come un batterista vive essendone affetto

MAURO (il batterista nelle foto): “Per 18 anni sono stato sempre considerato strano, io non sapevo manco cosa fosse l’Asperger, sapevo che è un modo di essere particolare e mi dicevo “e vabbè, sono particolare anche io”.

Da piccolo giocavo a calcio mi trovavo sempre un po’ disperso, alla fine mi dovevo impegnare il triplo per giocare di squadra con i compagni.  Mi sono detto “e va be’, sono così, c’è qualcuno che mi apprezza e meno male così”.

Dal punto di vista del musicista alla gente non gliene frega nulla se hai l’Asperger o se sei Gesù, fai bene il tuo lavoro? Ok! Non lo fai bene? Ciao! Purtroppo in questo ambiente c’è poca sensibilità sull’argomento”.

INTERVISTATORE: Ho intervistato Mauro Cola, batterista talentuoso di soli 19 anni affetto da sindrome di Asperger una particolare forma di autismo; personalmente, come chitarrista, ho avuto la fortuna di suonare più volte con Mauro; la sua storia, fra musica e autismo, mi è sembrata interessante da raccontare.  Continua a leggere Sindrome di Asperger e musica: come un batterista vive essendone affetto

Canzoni su Anoressia e Bulimia: il caso Subsonica

I disturbi del comportamento alimentare come bulimia e anoressia sono tra le sindromi più frequenti in adolescenza. Facciamo un po’ di luce su questo bellissimo e a volte terribile momento della nostra vita.

Quando comincia il periodo dell’adolescenza?

Nessuno saprebbe dirlo così su due piedi.

Eppure, rispetto a ciò, ci si accorda sul fatto che esiste un periodo più o meno stabilito nel quale si può decretare l’inizio dell’adolescenza: esso infatti coincide con lo sviluppo della pubertà, ovvero la maturazione biologica che pone fine alla fanciullezza.

È uno dei cambiamenti più evidenti che il soggetto mette in atto, ed è molto caratteristico sia per la velocità che per la tempestività con la quale avviene, considerando che si tratta di trasformazioni osservabili a vista d’occhio (Palmonari, 2011, 91).

Continua a leggere Canzoni su Anoressia e Bulimia: il caso Subsonica

Le tracce motivazionali: 8 canzoni che danno carica

All’interno dei gruppi di Songtherapy spesso si sperimentano diverse esperienza di condivisione fra eventi e ricordi che, portano con sé diversi tipi di emozioni. L’approccio della Songtherapy prevede l’utilizzo delle canzoni per stimolare la crescita personale favorendo il rilascio di dopamina e creando uno stato di benessere volto all’ intensificazione del piacere dopo l’ascolto di un brano musicale.

Alcuni brani che danno la carica e che trasmettono energia sono quelli denominati “tracce motivazionali”. Attraverso un approccio ideografico parlano all’ ascoltatore così da motivarlo e spronarlo a fare sempre di più. Un brano infatti, diventa motivazionale se dice a chi lo ascolta:

Continua a leggere Le tracce motivazionali: 8 canzoni che danno carica

Canzoni “Terapeutiche”: De André. Perché ci fa bene in 6 modi diversi

De André: il re dei cantautori

Il Faber è il cantautore italiano per eccellenza, verso cui tutti gli altri si sentono debitori.

Psicologicamente parlando, la sua grandezza è stata quella di creare un perfetto equilibrio tra emozionare e far venire la pelle d’oca e far riflettere su temi importanti dal punto di vista esistenziale, sociale, politico.

Appunto, la sintesi perfetta dei due emisferi: quello sinistro più analitico e specializzato, e quello destro più emotivo e globale.

De André come “psicologo”

Continua a leggere Canzoni “Terapeutiche”: De André. Perché ci fa bene in 6 modi diversi

Vieni ad apprendere la Songtherapy: corsi a Roma, Napoli, Modena

Songtherapy significa usare le canzoni per stimolare la crescita personale. Le neuroscienze hanno dimostrato da qualche anno che la musica agisce sul sistema dopaminergico, cioè sul processo che nel cervello, specificatamente nel sistema limbico (che controlla le emozioni e la motivazione), procura piacere. Continua a leggere Vieni ad apprendere la Songtherapy: corsi a Roma, Napoli, Modena

Dipingere le emozioni attraverso la musica [Il caso di Sylvie]

Ho intervistato Sylvie Renault, un’artista che dipinge solo ascoltando musica. Grazie all’ascolto continuato dello stesso brano musicale, riesce mantenere viva l’emozione che l’ha ispirata, così da portare a termine il proprio dipinto senza perderne il senso . Da ogni emozione nasce un quadro. Continua a leggere Dipingere le emozioni attraverso la musica [Il caso di Sylvie]