Depeche Mode playlist

Una canzone per ogni momento buio: la playlist “terapeutica” dei Depeche Mode

La musica è vita, non trovi? Quante sono le canzoni che senti tue e che ti ricordano momenti più o meno belli del tuo percorso?

Nelle canzoni ci rifugiamo, ci immedesimiamo e troviamo perfino molte risposte ai nostri dubbi. Oggi condividerò con voi una playlist di 11 canzoni dei Depeche Mode creata dalla dr.ssa Martina Occhipinti nelle quali potrai trovare conforto quando ne avrai bisogno.

I Depeche Mode per affrontare i momenti più aspri della vita

Di recente, su Facebook ha fatto molta notizia la storia di un’insegnante di inglese che aiutava gli alunni a migliorare il proprio vocabolario con le canzoni dei Depeche Mode. I loro brani sono un ottimo spunto non solo per avvicinarsi alla lingua, ma anche per trovare le risposte necessarie ad affrontare la quotidianità con i classici problemi che, prima o poi, tutti noi viviamo.

Ecco la mia playlist: da ascoltare rigorosamente in solitudine, sul divano e con il volume a palla.

1) Home

E ti ringrazio per avermi portato qui, per avermi mostrato casa e aver cantato queste lacrime, finalmente ho scoperto che appartengo a questo luogo.

Anche nell’inferno più nero c’è sempre quella persona che ti porta in un luogo che ti fa sentire al sicuro. Grazie per avermi fatto sentire calore anche nel pieno dell’inverno.

Una canzone che esprime il senso di appartenenza e gratitudine.

2) Enjoy the silence

Tutto ciò che ho sempre voluto, tutto ciò che ho sempre desiderato è qui tra le mie braccia, le parole sono inutili, possono solo fare male.

A volte il silenzio è necessario e le parole sono solo armi utili a provocare dolore agli altri.

Epico il video di Dave che cammina vestito da re con una sdraio in mano. Una delle canzoni più romantiche mai scritte.

3) Walking in my shoes

Non sto cercando di farmi una coscienza più pulita, una pace mentale dopo quello che ho affrontato e prima di parlare di qualsiasi tipo di pentimento prova a camminare nelle mie scarpe.

Quando le persone danno colpe agli altri, senza tentare di immedesimarsi in loro. Martin, l’autore del testo, è consapevole degli errori che ha fatto, ma vorrebbe anche che gli altri provassero a capire come ci si sente ad essere additati come colpevoli.

Un brano dedicato all’empatia ed alla comprensione.

HAI VISTO IL MIO VIDEO SU PERSONAL JESUS? ECCOLO: 

4) Never let me down again

Stiamo volando in alto, guardando il mondo che ci passa a fianco, non voglio scendere, non voglio mettere di nuovo i piedi per terra.

In questo pezzo Martin è in macchina con il suo migliore amico che lo porta in giro per distrarsi.

Una canzone che parla dell’amicizia e di come grazie agli amici ci si può sentire meglio.

5) In your room

Sto pendendo dalle tue labbra, vivendo con il tuo respiro, sentendo con la tua pelle. Sarò per sempre qui?

Quando si è intrappolati in relazioni poco sane è difficile trovare una via di uscita.

Un pezzo sulle dipendenze affettive.

Vuoi affrontare la vita con serenità? Ascolta la playlist di Daniele Silvestri

6) A question of lust

Le mie debolezze le conosci una per una, questo mi spaventa, ma ho bisogno di bere più di quello che tu pensi prima di essere di qualcuno.

Martin dedica questa canzone alla sua fidanzata dell’epoca con cui sta ormai da diverso tempo. Parla della crescita che ha fatto grazie a questa relazione, ma anche delle difficoltà che ha provato a causa dell’insicurezza e dell’alcolismo: problematica che lo porterà poi a ricoverarsi in una clinica, nel periodo in cui Dave avrà la famosa overdose che lo dichiarerà clinicamente morto per due minuti.

Un brano sull’amore e le difficoltà che una relazione porta.

7) Behind the wheel

Vieni, muovi le mie corde, guardami muovere, farò qualsiasi cosa.

Di nuovo viene usata la metafora della macchina e in questo caso Martin delega qualsiasi cosa alla persona al volante, senza volersi prendere la responsabilità di quello che succederà.

Una canzone per quando si è apatici e non ci si vuole prendere le responsabilità delle proprie azioni. Una metafora sull’uso della droga e di sostanze stupefacenti.

8) Clean

Con il passare del tempo le sensazioni che provo si attorcigliano e mi travolgono come una marea che mi assale. Io non ho consigli da dare né nulla da criticare, ma riconosco quello che mi piace attraverso i miei stessi occhi.

Iniziano le prove tecniche di disintossicazione da alcol e droga e Martin usa la scrittura di canzoni come metodo terapeutico per esprimere le proprie sensazioni a riguardo.

Un brano da ascoltare quando ci si impegna per fare dei cambiamenti sostanziali nella propria vita.

9) Condemnation

Se vedi la purezza come immaturità, non sono sorpreso. Se sostituisci la gentilezza con la cecità, per favore, apri gli occhi.

Qui Martin riprende il tema di Walking in my shoes dove viene additato come colpevole per il suo stile di vita da dipendente di sostanze. In questo caso, però, non chiede di essere compreso, ma si difende aspramente.

Una canzone gospel con un twist rock molto spirituale.

10) Judas

È meglio la semplicità, o semplicemente è la più facile? Il percorso più stretto è sempre quello più santo? Perciò cammina scalza per me, soffri qualche tormento se vuoi il mio amore.

Un pezzo che parla dei sacrifici che si fanno nelle relazioni amorose e parla anche delle difficoltà che gli esseri umani sono capaci di sopportare per amore.

Ci sono moltissimi riferimenti alle figure e concetti biblici tipici della carriera dei Depeche Mode.

11) Barrel of a gun

Cosa ti aspetti da me? Cos’è che vuoi? Qualsiasi cosa tu abbia pianificato per me, non sono la persona adatta.

L’album da cui è tratta questo brano è uno dei più scuri della band, nato da dopo la crisi che li ha colpiti: Dave aveva tentato il suicidio e aveva avuto un’overdose, Andy era in depressione e Martin stava combattendo contro l’alcolismo. Il titolo si riferisce al “guardare il fondo di una canna di un fucile”, ovvero al toccare il fondo.

Una volta che si è caduti e si è toccato il fondo ci si può appoggiare solo a quello per rimettersi in piedi.

Contattami

Vuoi contattarmi per capire se e come posso aiutarti?
Compila questo modulo e ti risponderò entro 48 ore:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

Cliccando "Invia" acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 2016/679

Avrò massimo rispetto dei tuoi dati e della tua privacy LEGGI LA

Privacy Policy

Condividi!

Commenti

Pubblicato da

Valentina Baldon

Curiosa e con la voglia di stare sempre sul pezzo. Mi occupo di SEO copywriting, Content e Social media management e formazione dedicata alla comunicazione digitale, sia per PMI che per enti non-profit. Citando una tra le mie canzoni preferite, vivo di sogni e di idee.