Dimmi cosa ascolti e ti dirò chi sei. Legami tra personalità e gusti musicali

“Dimmi cosa ascolti e ti dirò chi sei” sembra una battuta ma la scienza è seria sull’argomento:

I nostri gusti musicali sono collegati ai tratti di personalità, lo affermano gli psicologi della Cambridge University.

L’importanza della musica nella nostra vita è confermata dalla stretta relazione con la nostra identità: avevamo già parlato di come la musica che ascoltiamo sia connessa alla nostra personalità e di come la nostra mente classifichi le canzoni mediante 3 valori (arousal, valence e depth).

Adesso alla raccolta di ricerche su musica e personalità si aggiunge anche lo studio del 2015 di Greenberg, Baron-Cohen et al.

Empatia o Sistematizzazione?

Lo studio dei ricercatori di Cambridge parte dal modello della Teoria E-S dello stesso Simon Baron Cohen, che ha partecipato al progetto di ricerca.

Secondo tale teoria, le persone hanno due stili cognitivi alternativi: i soggetti si dispongono su di un continuum che va da un estremo caratterizzato da uno stile orientato all’Empatia, all’opposto dove lo stile predominante è quello della Sistematizzazione.

L’Empatia è l’abilità di identificare, predire e rispondere in maniera appropriata agli stati mentali degli altri.

La sistematizzazione consiste invece nell’abilità di identificare, predire e rispondere al funzionamento dei sistemi (naturali, astratti organizzativi e tecnici) analizzando le regole che li governano.

Musica e identità i tuoi gusti musicali sono associati alla tua personalità

I valori di Empatia si calcolano tramite l’Empathy Quotient (EQ), quelli di Sistematizzazione tramite il Systemizing Quotient-Revised (SQ-R): coloro che hanno punteggi maggiori nell’EQ rispetto al SQ-R hanno uno stile cognitivo empatico; se i punteggi nel SQ-R sono maggiori rispetto all’EQ, lo stile è orientato alla sistemizzazione.

Raramente vi è un equilibrio tra i valori dei test, in quanto a valori elevati su una scala corrispondono solitamente valori più bassi sull’altra; quando i punteggi si equivalgono, si definisce lo stile come bilanciato.

Ti può interessare anche: Scienza: la musica metal fa male? No, anzi fa sentire meno soli

Le preferenze musicali sono legate agli stili cognitivi

Musica e identità i tuoi gusti musicali sono associati alla tua personalità!

Dallo studio è emerso che i soggetti con lo stile cognitivo empatico usano la loro empatia quando ascoltano la musica, reagendo in maniera emozionale e fisiologica ad essa.

Coloro che sono per la sistematizzazione tendono invece ad interpretare la melodia, analizzandola e scomponendola nelle sue componenti ed interpretando le varie parti in relazione all’intero pezzo musicale.

In base alla loro peculiarità, gli empatici preferiscono gli stili musicali romantici, rilassanti, non aggressivi, tristi e lenti come il soft rock e l’r&b.

Chi è orientato ai sistemi preferisce generi più sofisticati e complessi dal punto di vista strutturale come il jazz tradizionale ed i generi classici.

“Dimmi cosa ascolti e ti dirò chi sei”: altri studi

I risultati di questo studio vanno ad integrare quelli di altre ricerche che hanno analizzato altri aspetti della nostra personalità: ad esempio le persone che rientrano nella categoria dell’apertura all’esperienza tendono a preferire il blues, il jazz, la classica e il folk; le persone caratterizzate dall’estroversione prediligono il pop, il soul, il funk e l’elettronica.

Col tempo riusciremo ad avere una mappa più completa di come la musica può influenzare la nostra identità e di come viceversa i nostri gusti musicali sono determinati dalla nostra personalità: magari verrà messo a punto un nuovo test somministrato tramite playlist che andrà a decodificare i nostri tratti di personalità!

Vuoi usare il potere delle canzoni nella tua professione: partecipa alla formazione in Songtherapy!

Songtherapy significa usare le canzoni per la crescita personale degli individui e dei gruppi.

Scopri quali sono i prossimi corsi nell’area Songtherapy oppure contatta info@lopsicologodelrock.it o il numero 328.3051918.

 

Fonti:

Musical Preferences are Linked to Cognitive Styles

Music taste linked to personality traits by Cambridge psychologists

 

Contattami

Vuoi contattarmi per capire se e come posso aiutarti?
Compila questo modulo e ti risponderò entro 48 ore:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

Cliccando "Invia" acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 2016/679

Avrò massimo rispetto dei tuoi dati e della tua privacy LEGGI LA

Privacy Policy

Condividi!

Commenti

Pubblicato da

Rocco Iannalfo

Nella mia professione unisco le mie passioni: la Psicologia ed il Marketing. Lavoro come Web Marketing & Social Media Manager e Blogger Freelance. Fondatore di Marketing per Psicologi - www.marketingperpsicologi.it