Gli esperti hanno collaborato per rispondere a una domanda che qualsiasi genitore che voglia calmare o divertirsi un po’ con il proprio bimbo si chiede: Che tipo di musica piace ai bambini?

Caspar Addyman, esperto nello sviluppo dei bambini, e Lauren Stewart, psicologo musicale, sono stati invitati dal produttore di alimenti per bambini Cow & Gate UK ad analizzare scientificamente le preferenze infantili per ottenere i parametri ideali per una canzone che ha “dimostrato di far diventare felici i bambini”, secondo quanto dichiarato dal team.

La ricerca

É stato chiesto a 2300 genitori del Regno Unito di segnalare quali sono i rumori che piacciono e fanno ridere i loro bambini. 

Dalla ricerca è emerso che:

  •  il suono più simpatico è quello dello starnuto (51%),
  •  i versi degli animali (23%)
  •  il riso degli altri bambini (28%)

Come è nata la canzone creata per rendere felici i bambini?

Dopo la ricerca, la cantautrice e compositrice Imogen Heap, vincitrice di un Grammy Award e madre di una bambina di 18 mesi ha sviluppato una melodia seguendo alcune regole fondamentali:

  1. doveva essere in chiave maggiore (accordi della canzone di solito associati alla gioia)
  2. essere semplice e ripetitiva (per mantenere la tranquillità del bimbo)
  3. avere una vasta gamma di dinamiche (per mantenere il bambino sorpreso e sintonizzato)
  4. La canzone doveva anche essere un “up-tempo”, rispecchiando il battito cardiaco di un bambino, che è più veloce di un essere umano
  5. traccia vocale femminile (per ricordare la mamma)
  6. “idealmente registrata in presenza di un bambino reale”, cioè con la presenza suoni e altre voci di bimbi.

Il segreto

“Il segreto era quello di renderlo sciocco e renderlo sociale”,

ha affermato Addyman.

L’obiettivo della canzone

 “Questa canzone è stata progettata per i genitori da usare a casa, in auto o in giro, in quei momenti in cui vogliono  festeggiare la felicità dei loro piccoli. La canzone può essere utilizzata per creare un’esperienza divertente e fortificare il legame tra bambino e genitore”. 

Questo afferma Louise Morley, Brand Manager di Cow & Gate.

Provate e fateci sapere! 🙂

Condividi!

Commenti