Musica da psicopatici: esiste una playlist per individuarli?

Quante volte, anche solo scherzando, hai detto ad un amico che è uno psicopatico?

Ecco, per scoprire se è realmente così, potrai analizzare la musica che ascolta. Contrariamente al film Il Silenzio degli Innocenti, le persone con una psicopatia riconosciuta, non prediligono la musica classica.

A fornirci questo dato interessante è la New York University attraverso una ricerca condotta su 200 soggetti.
É stato scoperto che un livello di psicopatia elevato è complementare all’ascolto dei Blackstreet e la loro No Diggity o Eminem e la sua Lose Yourself. Continua a leggere Musica da psicopatici: esiste una playlist per individuarli?

Musica e personalità: quali sono i generi musicali che rappresentano ciò che sei?

Le tue preferenze musicali possono dire molto sulla tua personalità. Le tue canzoni preferite non solo riescono a farti sentire e gestire le emozioni ma aiutano ad identificare il tuo .

Musica e personalità hanno un legame molto forte, capace di svelare come la preferenza di un genere rispetto ad un altro rende più creativo o egoista.

Il come ciò avviene è spiegato attraverso alcuni studi scientifici:
Continua a leggere Musica e personalità: quali sono i generi musicali che rappresentano ciò che sei?

Perchè la musica riesce a far piangere chi l’ascolta?

Perché la musica riesce a far piangere chi l’ascolta?

Davvero la musica fa piangere senza una trasparente motivazione? Appena partono note di una canzone struggente gli occhi si riempiono di lacrime e scorrono a fiumi sulle guance. Quali sono le emozioni principali che si sono trasformate in una tristezza che si è sciolta in singhiozzi?

Anche se la musica riesce a far piangere all’improvviso, c’è un motivo per cui questo avviene.
Continua a leggere Perchè la musica riesce a far piangere chi l’ascolta?

Playlist contro l’insonnia: le 30 canzoni per dormire bene

Non riesco a dormire! Quante volte ti è capitato di girarti in continuazione nel letto ripetendo a mente questa frase? Ed ecco che l’ansia notturna inizia a prendere il sopravvento e, in automatico, passerai la notte insonne perché continuerai a guardare la sveglia per tenere controllate le ore che ti mancano al suo suono.

Musica come aiuto per dormire

Esistono molti esercizi per migliorare il tempo e la qualità del sonno, ma oggi vogliamo concentrarci sulle canzoni per domire bene… Un rimedio del tutto naturale e gratuito contro la tua insonnia occasionale. Se sei tra quelle persone che “aiuto, non riesco a dormire la notte”, la musica potrebbe davvero essere la soluzione giusta per te.

Le cause dell’insonnia sono davvero molte e tra le principali dimostrate c’è lo stress che, a livello scientifico, ha un nome ben specifico: noradrenalina.

La noradrenalina (diversa dall’adrenalina) è un ormone che stimola ed aumenta la vigilanza.

Cosa significa? Semplicemente è ottimo che questo ormone sia alto durante il giorno ma, se ne hai troppo in circolo prima di andare a dormire, non riuscirai a prendere sonno. Fortunatamente,

è stato scientificamente dimostrato che, ascoltare musica rilassante per 45 minuti prima di andare a dormire, aiuta a ridurne  i livelli ed è un valido aiuto per dormire bene.

Uno studio condotto dallo psicologo Laszlo Harmat, ha scoperto che la musica può migliorare significativamente la qualità del sonno ed è un aiuto per ridurre i sintomi depressivi.

La playlist per dormire

Il team di NME HQ ha messo insieme una playlist di canzoni da ascoltare prima di dormire. Ce n’è davvero per tutti i gusti: si va dal compositore Glasgow C Duncan fino alla chitarra di Nick Drake, passando dall’hip hop di Kendrick Lamar e all’indie dei The Maccabees.

Due ore e mezza di canzoni per dormire bene, per rilassarti e per far scivolare via i brutti pensieri che ti assalgono prima di prendere sonno.

Buon ascolto e buon relax a tutti!

Fonti dei dati

Scrivi nei commenti altre tracce che ti aiutano a dormire bene e spiegaci il perché!

8 canzoni di Ligabue per combattere l’Alessitimia [la storia di Alessio]

Conosci l’alessitimia? Si tratta della difficoltà nel percepire e riconoscere le emozioni. Chi vive con l’alessitimia, non sa identificare le proprie emozioni e quelle altrui e questo influenza le sue relazioni personali e professionali.

Si tratta di una difficoltà che si declina in modi qualitativamente e quantitativamente diversi, lungo uno spettro. Questa difficoltà può essere mitigata e, in alcuni casi, superata del tutto, grazie a un allenamento mirato al riconoscimento delle emozioni. Qualche volta, l’allenamento passa attraverso la musica. Come racconta l’esperienza di Alessio.

Alessio e l’Alessitimia

Continua a leggere 8 canzoni di Ligabue per combattere l’Alessitimia [la storia di Alessio]

Heavy metal e disturbi cognitivi? Ma anche no!

Di recente, un gruppo di neuroscienziati ha pubblicato una ricerca relativa all’attività cerebrale degli amanti del genere heavy metal. A causa del suo risultato però, questo nuovo studio ha sollevato non pochi malcontenti, poiché è emerso che:

I fan del metal dimostrano disturbi della cognizione comportamentale ed emotiva.

Continua a leggere Heavy metal e disturbi cognitivi? Ma anche no!