“Il mio Chris era felice, amorevole, caro e affettuoso. Non era un uomo #depresso.

Quello di cui non mi sono accorta sono i segni della dipendenza. La #dipendenza è una malattia. Quella malattia può prendere pieno controllo di una persona. Ma non voleva morire. Se fosse stato in sé, so che non lo avrebbe fatto. Chris era umile, dolce, gentile e bravo, con la pazienza di un santo.”
Cit. Vicky Cornell
(Traduzione presa da Rockol)

SOSTANZE E ANTIDEPRESSIVI

Chris Cornell aveva lottato con l’ abuso di sostanze fin dall’infanzia ma era stato sobrio da anni, dice la sua vedova.
Ma al momento della morte del cantante, nel suo sistema sono stati trovati farmaci prescritti, incluso l’#antidepressivo Ativan.
La moglie dice che è colpa dei farmaci che lo hanno mandato fuori di sé, nell’autopsia medica non si fa menzione di questo.
L’anno scorso alla leggenda del grunge era stato prescritto Ativan come un aiuto per il sonno, ma ancora di recente sembrava privo di riposo.

L’ULTIMA NOTTE

“Era un segno che qualcosa era fuori, dovevo accorgermene prima”, dice la moglie. Dopo il suo show a Detroit, Chris la svegliava accendendo e spegnendo le luci della loro casa (aveva un dispositivo per controllare le luci a distanza).

Lei lo ha chiamato per capire cosa stesse succedendo; poi ha mandato la guardia del corpo in camera che lo ha trovato privo di vita.
Ora la moglie è concentrata sull’aiutare i suoi figli, mentre cerca di trovare un senso di normalità. E sta condividendo il dolore della sua famiglia per un motivo importante: “Farò tutto il mio potere per assicurarsi che altri bambini non debbano piangere come fanno i miei”.

DEPRESSIONE O FARMACI?

Quindi, secondo la moglie, non è stata la #depressione ma la dipendenza dai #farmaci (una vera emergenza negli Stati Uniti e anche da noi comincia) a fargli commettere il #suicidio.
Medici e psichiatri connessi è possibile che un mix di farmaci, tra cui l’Ativan, abbiamo indotto il suicidio?

Oppure l’idea già serpeggiava nella sua mente, segno di un disagio emotivo nascosto e i farmaci non hanno un ruolo?

Condividi!

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi, mediante cookie, nel rispetto della tua privacy e dei tuoi dati maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi