Suonare i Beatles o il sax mentre ti operano al cervello

Per il ventisettenne Carlos Aguilera questo è stato sicuramente il pubblico più insolito che si potesse trovare di fronte: 16 tra dottori e infermieri in una sala operatoria di Malaga, in Spagna. 

Ancora più strano: il paziente da operare era proprio Carlos Aguilera!

Difatti durante un delicato intervento di neurochirurgia, al musicista Aguilera è stato chiesto dai chirurghi di leggere uno spartito e di suonarlo con il suo sassofono. 

Sono bastate poche note del brano “Misty” per dare dimostrazione a tutto lo staff che la capacità musicale di Aguilera e la comprensione del linguaggio musicale erano rimasti intatti dopo un’operazione di 12 ore per rimuovere un tumore al cervello.
Era l’unico modo per verificare subito gli effetti di un’operazione del genere:  s
i chiede al paziente di leggere, contare, parlare o suonare musica per essere sicuri di non aver danneggiato aree critiche durante l’intervento.

Si tratta del primo test svolto su un paziente cosciente in tutta Europa e il risultato è stato strabiliante. 

“È come essere sdraiato su una spiaggia”

così Aguilera ha descritto la sua esperienza. Ora Carlos Aguilera si è pienamente ripreso dall’intervento ed è tornato a suonare con la sua orchestra. 

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Altre operazioni “musicali”

Nell’agosto del 2015, in Brasile, un chitarrista ha suonato Yesterday dei Beatles durante la rimozione di un tumore dal suo cervello.

Nel 2014, in Olanda, un tenore sloveno, accompagnato da un piano portato appositamente nella sala operatoria, ha cantato la “Gute Nacht” di Schubert, di nuovo durante l’asportazione di una massa tumorale nell’encefalo.

Vi lasciamo con le parole di speranza di Carlos:

“Due mesi fa ero sdraiato su un letto d’ospedale, ora la vita mi sta aspettando, come se fossi nato nuovamente”

Articolo di Diana Giacobbi con supervisione di Romeo Lippi

Vuoi raccontarci la tua esperienza con la musica? Mandaci un messaggio! 

Qui l’articolo di riferimento:

https://www.washingtonpost.com/news/speaking-of-science/wp/2015/12/21/live-from-the-or-patient-plays-saxophone-during-brain-surgery/

 

Contattami

Vuoi contattarmi per capire se e come posso aiutarti?
Compila questo modulo e ti risponderò entro 48 ore:

Il tuo nome (richiesto)

La tua email (richiesto)

Il tuo messaggio

Cliccando "Invia" acconsento al trattamento dei miei dati personali ai sensi della legge 2016/679

Avrò massimo rispetto dei tuoi dati e della tua privacy LEGGI LA

Privacy Policy

Condividi!

Pubblicato da

Romeo Lippi

Psicologo, Psicoterapeuta, Cantautore. Responsabile e fondatore del progetto "Lo Psicologo del Rock". Uso nella mia vita e nella mia professione l'integrazione tra canzoni e psicologia.