1° Corso di formazione in Songtherapy – Roma

 

 

SONG THERAPY training bambino maggio 2016

Songtherapy significa usare le canzoni per stimolare la crescita personale. Le neuroscienze hanno dimostrato da qualche anno che la musica agisce sul sistema dopaminergico, cioè sul processo che nel cervello, specificatamente nel sistema limbico (che controlla le emozioni e la motivazione), procura piacere.

https://www.lopsicologodelrock.it/ecco-perche-quando-sentiamo-la-musica-proviamo-piacere/

Musica al pari di cibo e sesso, quindi. Cosa c’è, in fondo, di più motivante di un piacere? Le cose che facciamo meglio e con meno fatica sono appunto quelle che amiamo, quelle che, facendole, ci danno una intrinseca ricompensa.

Perché allora non usare le canzoni che amiamo per migliorare il nostro stato?

Ecco un articolo che vi illustra le recenti ricerche che mettono in connessione benessere psicologico e musica (CLICCA) 

Training in Songtherapy: come funziona?

Alla luce di queste evidenze scientifiche e della mia pratica professionale clinica come psicoterapeuta, il training vuole fornire competenze teoriche e pratiche per sviluppare benessere e motivazione negli altri, negli utenti che si rivolgono ai servizi pubblici e privati legati alla consulenza, alla cura e all’educazione.

Conduzione del gruppo

Dr. Romeo Lippi (psicologo/psicoterapeuta/songwriter)

Obiettivi
Apprendere ad aiutare l’altro nel miglioramento delle performance nella vita, nello studio, nel lavoro.

A chi è rivolto

Psicologi e psicoterapeuti: per avere un approccio nuovo per creare alleanza con il paziente, per innovare la propria professione, per divertirsi lavorando, per aumentare il numero delle prese in carico.

Counselor: Avere più competenze teoriche e tecniche e sviluppare consulenze creative, divertenti e efficaci con i propri clienti.

Insegnanti: Apprendere delle modalità didattiche coinvolgenti e creare relazione empatica con i propri studenti.

Durata 

Il training dura 6 ore: 2 di teoria e 4 di esperenziale (pratica) in modo da trasformare subito il sapere in sapere fare.

Luogo
Via Vittore Carpaccio n.32, Roma.

Numero partecipanti
Massimo 20 posti

Costo
70 Euro.

ISCRIVITI!

E-mail: info@lopsicologodelrock.it

Cell: 3283051918

Facebook: https://www.facebook.com/dottromeo.lippi

Sangiorgi: il futuro della musica italiana tra emozioni e messaggi forti

Ho intervistato Giordano Sangiorgi (Coordinatore del MEI, Presidente AudioCoop e Portavoce Rete dei Festival); ho voluto chiedere ad una persona che ha il polso della musica indipendente italiana quali sono i driver della musica del futuro nel nostro Paese.

Secondo il Dr. Levitin, nella storia umana, per lungo tempo abbiamo fatto musica in maniera partecipativa: tutti facevano musica e tutti la ascoltavano. Con il continuo sviluppo tecnologico si tornerà a questo? Cosa pensi della musica del futuro?

Esattamente così, in maniera esponenziale: ancora più gente farà musica e ancora più gente la ascolterà, dappertutto e in ogni momento.

Ma si modificherà, si è già modificato e si sta modificando e si modifica in ogni momento sia il modo di farla che di ascoltarla. Così come di produrla e così come di diffonderla.

Un artista è il rappresentante di determinate emozioni che condivide con il suo pubblico. Quali sono gli artisti che secondo te esprimono le emozioni più forti?

Gli artisti capaci di andare con semplicità nel profondo sui temi sociali e politici da un lato e sui temi esistenziali dall’altro, inserendo modalità innovative nel parlarne, attuali e capaci di stare nei nostri tempi.

Questa traccia degli Stato Sociale è indicativa,una canzone che va con semplicità a esprimere emozioni forti sui temi sociali di oggi:

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Calcutta, ad esempio, va con semplicità a esprimere emozioni sul lato esistenziale di oggi:  Continua a leggere Sangiorgi: il futuro della musica italiana tra emozioni e messaggi forti

Vedere i colori della musica: come vive un ragazzo con la sinestesia

Ho conosciuto Omid Jazi recentemente, l’ho intervistato sulla sua esperienza inglese; si è infatti trasferito da due anni a Londra per inseguire i suoi sogni di musicista (potete leggere l’intervista relativa cliccando QUI). 

Durante la chiacchierata su Skype mi ha parlato anche di “avere” la sinestesia; la sinestesia è:

“Una condizione in cui uno stimolo di una modalità sensoriale genera in maniera consistente e automatica un evento sensoriale anche in un altro senso”(Zamma et alia, 2013, p. 359)

C’è contaminazione tra i i sensi, uno stimolo uditivo, olfattivo o tattile viene percepito anche con un altro senso (per una rassegna recente del fenomeno si consiglia Simmer, Hubbard 2013).

Un classico è vedere dei colori o delle forme particolari durante l’ascolto di musica; incuriosito, ho fatto qualche domanda a Omid.

Sinestesia: ci fai capire di cosa si tratta? Come la vivi?

Continua a leggere Vedere i colori della musica: come vive un ragazzo con la sinestesia

Suonare i Beatles o il sax mentre ti operano al cervello

Per il ventisettenne Carlos Aguilera questo è stato sicuramente il pubblico più insolito che si potesse trovare di fronte: 16 tra dottori e infermieri in una sala operatoria di Malaga, in Spagna. 

Ancora più strano: il paziente da operare era proprio Carlos Aguilera!

Difatti durante un delicato intervento di neurochirurgia, al musicista Aguilera è stato chiesto dai chirurghi di leggere uno spartito e di suonarlo con il suo sassofono.  Continua a leggere Suonare i Beatles o il sax mentre ti operano al cervello

E tu che credevi che Vasco fosse un c*****ne, invece è un “terapeuta”

Io sono io. Tu sei tu.
Io non sono al mondo per soddisfare le tue aspettative.
Tu non sei al mondo per soddisfare le mie aspettative. 
Io faccio la mia cosa. Tu fai la tua cosa. 
Se ci incontreremo sarà bellissimo; 
altrimenti non ci sarà stato niente da fare.

Così recita la “preghiera” della Gestalt che riassume in pochi versi il senso di questo tipo di psicoterapia.

Il Vasco della psicoterapia

Si chiamava Fritz Perls, definito da molti la “rockstar della psicoterapia” perché, nella sua intensa vita, ha commesso tante birbonate: ha assunto droghe, si è perso e ritrovato 6/7 volte , è quasi finito a fare il barbone, ha fatto sesso con pazienti maschi e femmine, ha condiviso, in parte, il movimento hippie.

Fritz Perls, la rockstar della psicoterapia, durante una seduta di gruppo
Fritz Perls, la rockstar della psicoterapia, durante una seduta di gruppo

Difficile spiegare una psicoterapia in poche righe; la Gestalt provoca il paziente in maniera che prenda consapevolezza della realtà, senza false illusioni, per poi aiutarlo a compiere delle scelte di vita in cui ci si assume la responsabilità di sé.

Viene definita “psicologia dell’ovvio” perché spinge il paziente a smettere di raccontarsi le favole e a prendere di petto le cose che ha davanti, che sono ovvie ma che non accetta…quando non accettiamo che qualcuno non ci ama più, quando non accettiamo che qualcuno non cambia per noi, quando non accettiamo i lutti, le perdite e i cambiamenti.

Nel video successivo potete vedere Fritz Perls all’opera…

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Che c’entra Vasco?

C’entra tantissimo. Nel Blasco nazionale ci sono tutte queste cose…la realtà per quella che è, nuda, cruda, difficile e bellissima nello stesso tempo. Tutto riassunto con un’incredibile capacità di sintesi e di poesia.

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

frasi come:

Mi rendo conto che il tempo vola e che la vita poi è una sola


La vita è un brivido che vola via, è tutto un equilibrio sopra la follia


Non ti fermare davanti a niente
Non ascoltare nemmeno la gente
La vita è tua!


eh noi parliamo spesso sì ma è così, siamo soli


sono veramente Gestalt.
Vasco, senza saperlo, è come un terapeuta Gestalt, ci aiuta a fare i conti con noi stessi, senza filtri, senza giri di parole.

SOLO EMOZIONE PURA

Come uso Vasco nelle mie sedute

Cominciamo da un dato di fatto: Vasco è l’autore più citato dalle persone che condividono un percorso di crescita personale con me.
E ne ho fatti parecchi.
Solo a scuola ho fatto più 1.000 colloqui.

Vasco è citato:
Più di Ligabue.
Più di Battiato.
Più di De André.
Più dei Queen, Pink Floyd, Nirvana

 

Vasco è utile su tre argomenti:
1. Portare l’attenzione sul qui ed ora, sui tuoi bisogni
2. Prenderti la responsabilità delle tue scelte
3. Vivere, veramente

Queste le canzoni che incontro/cito più spesso:

  1. Vivere
  2. Ogni Volta
  3. Canzone
  4. Manifesto futurista della nuova umanità
  5. Cambia-menti
  6. Gli Angeli
  7. Un senso
  8. Dillo alla Luna
  9. Stupido Hotel
  10. Liberi Liberi

Iscriviti ai miei contenuti gratuiti: 

Iscriviti alla mia newsletter
Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Oasis: tu pensavi che fossero solo dei beceri ed invece…

Chiaro, sono di parte: gli Oasis sono il mio gruppo preferito.

Tuttavia la loro parabola di vita è oggettiva: due fratelli nati nei sobborghi di Manchester, con un padre violento, in un contesto di disoccupazione, sbornie e piccoli/grandi drammi familiari per tutti, quasi all’improvviso riportano le chitarre distorte nel rock e diventano un’icona di una generazione.

Fanno tesoro degli unici talenti che hanno:

Liam ha la voce e l’arroganza, senza muoversi sul palco viene indicato come il miglior frontman di tutti i tempi;

Noel, medio chitarrista autodidatta, è capace di sintetizzare i propri riferimenti musicali con un testo e una melodia spaziali, crea magicamente degli inni generazionali; è una persona nella media, ma con dei momenti di ispirazione divina.

Se ce l’hanno fatta loro, persone comuni, perché noi/voi non possiamo raggiungere i nostri sogni?


La canzone che mi trasmette più positività, io la definisco la canzone del “farcela”, è MORNING GLORY

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Anche se la canzone parla di droga e erezioni mattutine, ha una forza devastante nelle chitarre e in alcuni passaggi di testo.

“Tutti i tuoi sogni finiscono
Quando sei incatenato allo specchio con il tuo rasoio
Oggi è il giorno in cui tutti vedranno
Un altro pomeriggio di sole”

Per me queste frasi vogliono dire: smettila di fare lo schiavo della normalità esci fuori e fai vedere a tutti chi sei”.

Iscriviti ai miei contenuti gratuiti:

Iscriviti alla mia newsletter

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"